Messaggio pubblicitario

La relazione tra pensiero desiderante, ricerca di novità e predisposizione alle dipendenze patologiche

Si indaga se e in che misura la ricerca di novità e il pensiero desiderante possono influenzare il craving, fattore cruciale nelle dipendenze patologiche.

ID Articolo: 113505 - Pubblicato il: 14 settembre 2015
La relazione tra pensiero desiderante, ricerca di novità e predisposizione alle dipendenze patologiche
Condividi

Il presente studio ha indagato se e in che misura la tendenza a ricercare la novità e la propensione a pensare in modo desiderante potessero influenzare il craving, un fattore cruciale per il mantenimento delle dipendenze patologiche.

I dati sono stati raccolti somministrando una serie di questionari a 270 persone appartenenti alla popolazione generale e senza alcuna diagnosi psichiatrica.

Le analisi dei dati hanno mostrato come il pensiero desiderante potesse mediare la relazione tra ricerca della novità e craving. In altre parole, uno stile cognitivo incentrato sul desiderio in tutte le sue componenti (immaginativa e verbale) sembrerebbe più “a rischio” per lo sviluppo di craving, rispetto a un temperamento caratterizzato da una forte ricerca della novità.

In questo senso, i risultati hanno sottolineato il ruolo centrale del modo in cui si gestisce il desiderio, per la sua capacità di influenzare la percezione di craving.

 

Desire thinking as a mediator of the relationship between novelty seeking and craving

We examined the relationship between desire thinking, temperament and craving. Findings support a multiple mediational sequence from novelty seeking to craving. Desire thinking mediates the relationship between novelty seeking and craving.

 

  • Gabriele Casellia, b, c, , ,
  • Chiara Manfredib, d,
  • Annalisa Ferrarise,
  • Francesca Vinciulloe,
  • Marcantonio M. Spadac
About the authors

a Studi Cognitivi, Milano, Italy b Sigmund Freud University, Milano, Italy c School of Applied Sciences, London South Bank University, London, UK d Studi Cognitivi, Modena, Italy e University of Pavia, Pavia, Italy

 

 

  Messaggio pubblicitario

 

Abstract

Background

The construct of craving has been shown to play a crucial role in the development and maintenance of addictive behaviors. Both novelty seeking and desire thinking have been identified, respectively, as important temperamental and cognitive predictors of craving.

Aims

In the present study we aimed to explore the relative contribution of novelty seeking and desire thinking towards craving, hypothesizing a sequence of multiple mediating relationships starting from novelty seeking and moving onto imaginal prefiguration, verbal perseveration and craving in serial fashion.

Method

A convenience sample of 270 individuals completed measures assessing novelty seeking, desire thinking, and craving relating to a chosen activity.

Results

Findings showed that, controlling for age and gender, desire thinking components predicted craving over and above novelty seeking. The indirect effect from novelty seeking to craving, via desire thinking components, was significant thus supporting a multiple-mediational sequence. Finally, the relationship between imaginal prefiguration and craving was found to be partially mediated by verbal perseveration.

Conclusions

The findings provide support for the conceptualization of desire thinking as an independent construct in predicting craving over and above novelty seeking.

Keywords

  • Addiction;
  • Addictive behaviors;
  • Craving;
  • Desire thinking;
  • Temperament

DOWNLOAD FULL ARTICLE:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Sono citati nel testo