Messaggio pubblicitario

Mindfulness in rosa: ridurre lo stress nelle diagnosi di cancro al seno.

Utilizzare la mindfulness (meditazione) per migliorare la qualità della vita e la gestione dello stress nelle donne operate di cancro al seno

ID Articolo: 5243 - Pubblicato il: 01 febbraio 2012
Messaggio pubblicitario SFU MAGISTRALE 09-2017 2
Condividi

 

MIndfulness in rosa: ridurre lo stress nelle diagnosi di cancro al seno - Immagine: © Mark Abercrombie - Fotolia.com - La diagnosi di cancro al seno porta con sé numerosi cambiamenti nella vita delle donne e delle loro famiglie: vengono compromesse la sfera sociale, fisica, funzionale ed emotiva. Anche quando le terapie si dimostrano efficaci e la situazione sembra rientrare, per alcune donne non è facile recuperare un equilibrio psicofisiologico.

Le tecniche mente-corpo possono, in questo delicato momento, supportare le donne operate al seno. I dati di uno studio pubblicato sul Wester Journal of Nursing Research, condotto da un team di ricercatori della Sinclair School of Nursing dell’università del Missouri (USA), sottolineano l’efficacia del protocollo Mindfulness Based Stress Reduction per migliorare la qualità della vita e la gestione dello stress nelle donne operate al seno. La ricerca prevedeva un ciclo di otto sedute di gruppo, una parte del campione oltre al trattamento standard seguiva il protocollo MBSR.

I benefici maggiori dopo il trattamento MBSR sono stati:

  • abbassamento della pressione sanguigna;
  • rallentamento della frequenza respiratoria;
  • rallentamento del battito cardiaco;
  • miglioramento del tono dell’umore.
Le reazioni psicologiche dei pazienti con scompenso cardiaco - Immagine: © Petr Vaclavek - Fotolia.com -

Articolo consigliato: Le reazioni psicologiche dei pazienti con scompenso cardiaco.

Conferma di questo dato la troviamo sulla rivista Integrative Cancer Therapie: una pratica meditativa aiuterebbe, dunque, a ridurre lo stress e a migliorare il benessere emotivo. A questo studio hanno partecipato 130 donne affette da tumore al seno in cura presso un reparto oncologico. L’intero campione è stato diviso in due gruppi: una seguiva una terapia combinata di cure tradizionali + meditazione, e un secondo gruppo che seguiva solamente le cure “tradizionalmente” prescritte. In particolare i soggetti della ricerca hanno trovato nella meditazione un ottimo strumento per la riduzione dello stress, e riportano i benefici maggiori dopo gli incontri di gruppo.

La meditazione come trattamento aggiuntivo per le donne operate al seno viene utilizzata anche presso l’Ospedale Bellaria di Bologna dove il Dott. Gioacchino Pagliaro porta avanti dal 2003 il progetto “ Armoniosamente”. (Scarica il pdf della presentazione)

Questo protocollo prevede due parti: una prima fase di psico-educazione i cui obiettivi principali sono:

  • accrescere la speranza nei confronti della guarigione;
  • aumentare la fiducia nella cura radio e chemio terapica;
  • aiutare a migliorare il rapporto con il corpo ”malato”.

In una seconda fase vengono insegnate tecniche di meditazione e visualizzazione. In questo caso gli obiettivi principali sono:

  • ridurre lo stress;
  • far sentire le donne protagoniste della cura e dei processi di guarigione;
  • aumentare l’autostima;
  • ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia;
  • aiutare a fronteggiare la paura.

A breve un‘intervista con il Dott. Pagliaro per racconti più dettagliati su questo interessante progetto.

 

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Messaggio pubblicitario

Scritto da