State of Mind

Giuliano Ferrara, psicologia di un comunista

ID Articolo: 3228
novembre 21
15:32 2011
Modificato il: 05/03/2012 (18:28)
(Nessun voto)
Condividi

Conclusa (forse) la parabola di Berlusconi, riflettiamo ora sul percorso psicologico di un suo compagno di strada, Giuliano Ferrara.

Giuliano Ferrara - Licenza Creative Commons - Autore: http://commons.wikimedia.org/wiki/User:Stef_MecLa visione politica di Ferrara è stata sempre hegeliana e togliattiana, nel bene e nel male. Nel bene per la concezione disincatata a anti-moralistica del potere. Concezione propria, malgrado le apparenze, di alcune correnti del vecchio PCI, correnti che combinavano l’eredità idealistica a quella marxista e leninista. Ma anche Marx era cresciuto hegeliano e quindi si ispirava a una filosofia che intende non giudicare la realtà ma comprenderne le ragioni, anche a rischio di giustificarla (e qui arriviamo al male). In Marx la redenzione proletaria della storia non doveva avvenire in obbedienza a un principio morale ma storico. L’unica etica era quella della storia, di quel che avviene che è sempre storicamente razionale…Continua a leggere su Affaritaliani

State of Mind © 2011-2014 Riproduzione riservata.
Tags
Condividi
Sponsor BSST fino a 6 ottobre
Messaggio pubblicitario

Iscriviti alla Newsletter

Consigliaci su Facebook

Sponsor

Seguici su Twitter

Guardaci su Youtube

Sponsor

Messaggio pubblicitario

Articoli consigliati del mese

Chi sta visualizzando questa pagina

1 utente